DreamCatcher Home

Og Mandino

"Nel 1976, all'età di 52 anni, Og Mandino mise a rumore l'industria editoriale americana con le sue dimissioni da Presidente della rivista "Success Unlimited", dimissioni motivate dalla volontà di dedicarsi totalmente al lavoro di scrittore e conferenziere. Migliaia di lettori in 18 nazioni - dai direttori della grandi Corporation USA agli operai delle fabbriche giapponesi, dai detenuti delle prigioni messicane alle casalinghe olandesi, dagli allenatori di foot-ball inglesi alle monache delle Filippine - testimoniano nelle loro lettere all'autore il grande debito di riconoscenza per il miracolo che le sue parole operano nella loro vita quotidiana.

 

Altri libri di Og Mandino

 

 

 

Og Mandino - Il più grande miracolo del mondo


 

 

Il più grande miracolo del mondo di Og Mandino

Il più grande miracolo del mondo - la copertina. Clicca per abdare al menu dei libri di Og Mandino

Gribaudi Editore - Pag. 141

 

Da "Il più grande miracolo del mondo" - Pagina 1

La prima volta che lo vidi?

Stava dando da mangiare ai piccioni.

Di per sé, questo semplice gesto di bontà non è uno spettacolo insolito. Sui moli di San Francisco, al Common di Boston, sui marciapiedi di Time Square e nei punti più interessanti di ogni città si possono vedere persone anziane, che sembrano loro stesse aver bisogno di un buon pasto, intente a gettare briciole agli uccelli.

Ma quel vecchio signore lo stava facendo nel culmine di una violenta tempesta di neve che, secondo tutte le stazioni radio che ascoltavo sulla mia automobile, aveva già battuto ogni record coprendo Chicago e la sua periferia di 70 centimetri di bianco tormento.

Con le ruote posteriori che giravano vorticosamente a vuoto, avevo finalmente superato, con l'auto - un centimetro alla volta - lo stretto marciapiede che scendeva al cancello del parcheggio automatico situato a un isolato di distanza dal mio ufficio, quando lo notai per la prima volta. Si trovava nel bel mezzo di un fantastico turbine di neve, dimentico degli elementi e prendendo da un sacchetto di carta marrone quelle che sembravano briciole di pane, le gettava con cura ad un nugolo di uccelli che si affollavano svolazzando intorno a lui e scendevano in picchiata attorno alle falde del suo soprabito di foggia militare, lungo quasi fino alla caviglia.

 

 

©2007 studio viasetti - brescia, milano, varese, como, lugano, bergamo, verona, vicenza, padova, bologna, roma, palermo

realizzazione e posizionamento siti web - corsi di formazione a domicilio - Sede: 25030 Castel Mella (Brescia) - Via C. Pavese, 39

Tel. 0302584315 - E-Mail: [email protected]