Menù

 

 

Scrittori emergenti

Fabio Carapezza

Autore e scrittore del libro "L'inconveniente di esistere"

copertina-scrittore-fabio-carapezza

Isbn: 978-88-95396-49-1;
Prezzo € 13,00;
pp. 152 formato 12 x 17 in carta avorio.

 

Ritratti a tinte forti sono quelli offerti da Fabio Carapezza nei suoi racconti dedicati a personaggi alle prese con il "male di vivere".

L'inconveniente di esistere è, infatti, una raccolta di quindici racconti di varia umanità le cui storie denunciano, anche indirettamente, l'illusorietà di un quotidiano talora raccapricciante. Ne deriva una galleria di personaggi, di varia appartenenza anagrafica ed estrazione sociale, colti nella loro quotidiana fragilità emozionale.

Rabbia, desiderio, passione, rimandano a una sequenza di stati mentali e fisiologici, la cui principale funzione è quella di evidenziare l'elaborazione (non sempre cosciente) di risposte immediate ai fini della sopravvivenza.

Dal disagio giovanile a problematiche relazionali, destinate a sconfinare in atti estremi di annullamento dell'altro o di distruzione di sé, l'autore tende a evocare emozioni, sentimenti e stati d'animo intensi e contrastanti.

Ne consegue un senso di lacerante smarrimento dinanzi a un'esistenza che non si riesce a comprendere e verso la quale si manifesta una naturale volontà, quanto inutile, di ribellione.

Il paesaggio urbano e taluni interni domestici amplificano il senso d'inadeguatezza di alcuni personaggi (uomini e donne, giovani e adulti) che vivono ai margini della società, talvolta senza istruzione come nel caso di Ragazzo, annoiato dalla vita e destinato a incarnare (già nel nome) una stagione dell'esistenza e una generazione disorientata quanto incapace di scelte consapevoli.

Ne emerge una chiara volontà di denuncia dell'istintiva sopraffazione dell'uomo verso i propri simili, e della solitudine esistenziale cui è condannato anche quando tenta disperatamente di esprimere il suo profondo bisogno psicologico di socialità e di affettività nella vita di coppia, di cui si elencano i pregi, ma anche e soprattutto i vizi.

Il male può annidarsi, quindi, ovunque, anche all'interno di un computer, come nel racconto finale che dà il nome alla raccolta e dove un insolito personaggio di nome Futuro disserta con un ragno sulle nevrosi della contemporaneità. Il male è sempre in agguato, pronto a demolire certezze e a corrodere, inaspettatamente, la parte migliore di ogni essere umano.

Tuttavia, nonostante le tinte grottesche con cui è dipinta la realtà, permangono la speranza e la fiducia nel riprogettare nuovi modelli relazionali e una nuova quanto migliore immagine di sé.

L'autore, dunque, offre abilmente più piani di lettura, rendendo i suoi personaggi non solo lucidi spettatori delle idiosincrasie altrui, ma anche protagonisti incontrastati di microstorie a tratti surreali, dove ogni cosa può essere il contrario di ciò che appare e precipitare nell'oscurità.

Maria Antonietta Cruciata

 

 

DreamCatcher

Nota biografica
Fabio Carapezza

Fabio Carapezza ha quarant'anni, vive e lavora a Parma, dove si è laureato in Filosofia con una tesi sull'etica di Romano Guardini.

Ha pubblicato la silloge "Pezzi di vetro" (Ibiskos 1993) sotto lo pseudonimo "Fantomas", in seguito al primo premio al Concorso Internazionale "Giovanni Gronchi".

Una sua poesia è apparsa sul numero 237 della rivista "Poesia" edita da Crocetti Editore, la più autorevole rivista di poesia in Italia.

Nel 2010 si è classificato al primo posto al Concorso Letterario "Alberto Tallone" per la sezione narrativa.

Ha viaggiato molto in seguito a un particolare periodo di "disfacimento interiore", ha svolto una quindicina di lavori diversi ed è attualmente alla ricerca del lato conveniente dell'esistere.

www.fabiocarapezza.it